Fontanafredda & Mirafiore – Eataly, Firenze – Giovedì 28 marzo 2019

Fontanafredda e Mirafiore sono due nomi che rappresentano passato, presente e futuro della denominazione più prestigiosa d’Italia, ovvero il Barolo. Fontanafredda, antichissima realtà un tempo di proprietà della famiglia Savoia, si prepara di tutto punto ad animare la grande festa del vino a base nebbiolo più nobile longevo ed elegante del mondo. È un’azienda storica non solo perchè tra le prime a diffondere il Barolo nel mondo, ma anche perchè al centro dei vigneti più importanti della denominazione, quelli di Serralunga d’Alba, mitico comune i cui vini sfidano i secoli e non solo i decenni in quanto a longevità e capacità di evolversi nel bicchiere.

Da quando è entrata in orbita Farinetti ha ricevuto un grandissimo impulso al rinnovamento in cantina e in vigneto con il passaggio di molte etichette a Vino Libero e un grande passo in avanti della qualità dei vini “cru” aziendali, per non parlare del rinnovamento dei locali della cantina e del parco diventati oggetto di visita e svago per tantissimi enoturisti e non solo.
Mirafiore viene fondata invece addirittura il 17 giugno 1858: con un “atto di comando del regio delegato” al Comune di Serralunga d’Alba, viene iscritta al Fondo della Real Casa una partita di 138,62 “giornate piemontesi” (52 ettari) situate tra Sorano, Fontanafredda e Gallareto. Il giorno 11 aprile 1859 Rosa Vercellana, la Bela Rosin, viene nominata Contessa di Mirafiore e Fontanafredda con decreto reale. Il titolo viene però trasmesso al solo figlio maschio, Emanuele Alberto, e da questi alla sua discendenza. La famiglia morganatica inizia a frequentare Fontanafredda e da allora le storie delle due tenute si sono sempre intrecciate fino ad arrivare oggi a due cantine e due stili diversi di un grande vino piemontese.

Vini in degustazione
Mirafiore: Alta Langa Blanc de Noir 2014
Fontanafredda: Alta Langa Extra Brut DOCG 2014

Fontanafredda & Mirafiore – Via Alba 15 – 12050 Serralunga d’Alba (CN) www.fontanafredda.it/

Lascia un commento