Fattoria Lavacchio – Eataly, Firenze – Giovedì 28 marzo 2019

Un’azienda innovativa e tradizionale che unisce l’amore e il rispetto per la natura ad un’indole ribelle e rivoluzionaria che l’ha portata a realizzare il primo Chianti DOCG senza solfiti aggiunti non poteva mancare in una serata dove si punta sui bianchi: perchè il Puro è stato solo l’inizio di un lavoro sui vini senza solfiti! Da Eataly infatti troveremo il Puro bianco in anteprima nazionale!

La storia della Fattoria risale al 1700 quando la nobile famiglia fiorentina dei Peruzzi la edificò. Nel 1978, fu acquistata da una famigli di origine genovese amante della Toscana. Da allora è stata intrapresa una completa opera di ristrutturazione consentendone il rilancio produttivo, preservando le migliori tradizioni di azienda agricola vocata alla coltivazione e produzione biologica del vino e dell’olio abbinando, ai metodi produttivi artigianali, le tecniche più moderne.

Nel parco della casa padronale si trova un secolare cedro del Libano di oltre 250 anni, simbolo della Fattoria, situata sulla sommità del colle di Montefiesole a 450 mt slm, a 18 km da Firenze. Tra le aziende di una certa dimensione nella zona del Chianti Rufina, è stata la prima ad aderire ai programmi di produzione biologica. Alla natura si chiede collaborazione e, per contrastare l’aggressione di parassiti nocivi, si favorisce la conservazione di un habitat dove possano prosperare animali antagonisti ai parassiti e per verificare precocemente malattie, sono state collocate centinaia di piante di rose, particolarmente sensibili. Anche le strutture ricettive sono gestite generando un basso impatto sull’ambiente.

La raccolta delle uve viene fatta a mano. Tutti i vini sono ottenuti da fermentazione spontanea, senza lieviti aggiunti, e contengono mediamente un terzo dei solfiti ammessi per legge. La produttività limitata, imposta dall’agricoltura biologica, garantisce una maggiore qualità, anno dopo anno. I terreni ricchi di scheletro e galestro, principalmente calcari, abbinati al clima rigido, contribuiscono a produrre vini franchi, con vocazione all’invecchiamento. Sono vini che rispecchiano la natura, le caratteristiche del territorio, dei vitigni e dell’annata, messi in commercio solo nelle annate dove viene raggiunta la qualità ricercata.

Vini in degustazione
Puro – Igt Toscana Bianco Pét-Nat senza solfiti 2018
Pachar – Igt Toscana Bianco Bio 2017
Oro del Cedro – Igt Toscana vendemmia tardiva Bio 2015

Societa’ Agricola Lavacchio S.r.l. Via di Montefiesole, 55 – 50065 Pontassieve (FI) – www.fattorialavacchio.com

Lascia un commento