Champagne Mailly Grand Cru sui Lungarni a Firenze per God Save The Wine Tre Parole per dirlo, 18 Ottobre Palazzo Capponi

, Champagne

Un incredibile mosaico da 480 diverse parcelle di vigneto tutte all’interno della Montagna di Reims, 70 ettari coltivati da tanti coltivatori votati alla qualità, un esempio quasi unico di cooperazione con numeri così piccoli ma con così tante persone dietro. La maggior parte del vigneto è ovviamente a Pinot Nero (85% del totale) e un 15% di Chardonnay che qui assume sfumature particolari e una speziatura diversa dal resto della Champagne come verificherete nei bicchieri a Palazzo Capponi durante il prossimo God Save the Wine…
Tutte le uve sono vinificate nella cantina a vetro e in parte sotterranea senza dover viaggiare ed essere spostate in pratica dal luogo di

coltivazione. Cercate nelle loro cuvèe la profondità e gastronomicità data dal pinot nero e la finezza dello Chardonnay che regala freschezza e vivacità all’insieme. Viene usato del rovere per lo stoccaggio dei vin de reserve che sono conservati anche per più di 10 anni prima di andare nelle cuvèe. Tra le note più presenti il frutto rosso e giallo di mela renetta, frutta di bosco fragola e rabarbaro, e una bocca immediata e succulenta, con una saporosa mineralità e una traccia fruttata netta molto persistente.

Il rosato ha belle note di arancio unite a fragolina di bosco e un florelae di viola e un piglio deciso in bocca che tradisce la sua provenienza. Nelle cuvèe più impegnative come L’Intemporelle sa anche farsi lieve e delicato, elegante e agrumato con bocca ricca, densa e non impegnativa su un finale minerale accattivante.

Vini in degustazione

 

  • Champagne Grand Reserve brut (85% Pinot Nero 15% Chardonnay)
  • Champagne Rosè Brut (90% Pinot Nero 10% Chardonnay)


Champagne Mailly Grand Cru
distribuito in esclusiva per l’Italia da
Ruffino spa
http://www.champagne-mailly.com/