Champagne Comte de Montaigne – Gallery Hotel Art, Firenze – Giovedì 23 maggio 2019

Nel cuore della Francia, nel sud della Champagne, ha sede la Maison Comte de Montaigne, ambasciatrice dell’autentico Champagne dell’Aube, un territorio unico per caratteristiche fisiche e climatiche. Comte de Montaigne è situata a Celles sur Ource, un piccolo paese abitato da trecento persone e con una storia particolare: dopo il 1789, le terre dei monaci in tutta la Champagne vengono assegnate a chi se ne prende cura, con un impegno giornaliero. Durante la prima rivoluzione industriale, la maggiore parte delle persone decide di vendere le terre per andare a lavorare nella Ferrovia dello Stato, tranne a Celles sur Ource dove le terre vengono tenute. Infatti, oggi, è il paese della Champagne che conta più vignerons per abitanti. Oggi a capo della Maison è Stéphane Revol: con orgoglio ogni giorno mette tutta la sua esperienza, le sue conoscenze, e il suo cuore per rendere Premium ogni Cuvée di Comte de Montaigne. E soprattutto Stéphane sa dare il giusto valore al tempo. Perché è il tempo, insieme al territorio, che rende uno champagne veramente Premium. È il tempo, e non le esigenze del mercato, che dà i ritmi per avere un prodotto eccellente al gusto, all’olfatto e alla vista. Per questo gli champagne Comte de Montaigne sono coltivati e prodotti in modo unico, con passione, sapienza e pazienza, rispettando i tempi di vinificazione, che arrivano a 55 mesi, rispetto a una media di 19 mesi (circa il 90% degli champagne in commercio). Come ama ripetere Stephane: “Comte de Montaigne è prima di tutto un territorio, vigne, uve e uomini che da generazioni ci mettono il cuore”.

Molto velocemente, la firma delle sue Cuvée si è affermata in Francia e nel mondo e il terroir della Côte des Bar, il sud della Champagne da sempre cuore di tante cuvèe famose ma non molto celebrato e conosciuto come terroir, è oggi diventato un’origine riconosciuta e apprezzata ma ci voleva la lungimiranza. Stéphane si dedica pienamente al suo sogno: ridare il blasone di un tempo alla Côte des Bar: “Comte de Montaigne è prima di tutto un territorio, vigne, uve e uomini che da generazioni ci mettono il cuore”. Molto velocemente, la firma delle sue Cuvée si è affermata in Francia e nel mondo e il terroir della Côte des Bar è diventato un’origine riconosciuta e apprezzata. Una prova di lungimiranza eccezionale.

Siamo tornati da Vinitaly e la carne al fuoco è tanta, cosa dobbiamo lasciarci alle spalle degli ultimi mesi e che cosa dobbiamo rigenerare nel mondo del vino? Quale il tuo vino che più incarna lo spirito “maggese”?
Comte de Montaigne è dedicato a chi crede nell’amicizia, a chi sa che ogni momento, anche il più intimo, può diventare un momento di festa e non c’è un solo vino che incarni lo spirito ma tutte le nostre cuvèe esprimono questo punto di vista. La vigna con le sue uve è l’essenza stessa dello champagne. Non solo a Maggio, la vite va trattata con cura, anno per anno, seguendo metodi rigorosi, tramandati di generazione in generazione, ma soprattutto mettendoci sempre tanto cuore e tanto impegno e vale anche nei rapporti con le persone. Ci vuole attenzione e cura dei dettagli nella vita come in vigneto come ad esempio il piantare una rosa in prossimità delle vigne: favorisce la biodiversità e permette di rivelare per prima eventuali attacchi d’oidio.

Saremo a Firenze, culla del commercio e diffusione del vino nel mondo con una serata dove sarà protagonista la cucina creativa fusion del Gallery: quali vini vedete meglio adatti alla tenzone?
Le cuvée della maison sono cinque: Brut, Extra Brut, Rosé, Blanc de Blancs e Cuvée Speciale. In particolare, le cuvée che verranno presentate a Firenze sono il Brut e l’Extra Brut. Il Brut Grande Réserve è il simbolo della Maison da sempre, la sua firma, l’espressione della freschezza di Comte de Montaigne: l’assemblage prevede un 70% di Pinot Noir e un 30% di Chardonnay è un vino poliedrico in grado di adattarsi a piatti molto diversi anche con struttura importante. L’Extra Brut Grande Réserve rappresenta il culmine filosofico e gustativo, l’espressione della purezza dei sapori naturali di Comte de Montaigne ed è composto al 70% di Pinot Noir e 30% di Chardonnay ed è adatto a tante proposte fusion leggere e delicate.

Vini in degustazione:
Champagne Extra Brut Grande Réserve
Champagne Brut Grande Réserve

Comte de Montaigne – 12 rue Maurice Cerveaux – Epernay – www.comtedemontaigne.com

Lascia un commento