Castelli del Grevepesa – Gallery Hotel Art, Firenze – Giovedì 24 maggio 2018

Esplode la Primavera e il Chianti Classico fiorentino diventa una meraviglia con la gemma di Lamole lassù in alto, ma non possiamo scordarci certo di San Gimignano… Grevepesa è il primo produttore per quantità e in diversi terroir nel Chianti Classico e non solo, e oggi è una cantina cooperativa che dimostra quando essere soci con lo stesso progetto e sogno può davvero aiutare a trasformarlo in realtà. Una macchina organizzativa che segue i soci conferitori nelle pratiche agronomiche e fino al conferimento con una vinificazione estremamente complessa perché cerca di mantenere il più possibile i vini separati fino agli assemblaggi finali.

Un patrimonio di terroirs e vigneti che negli ultimi anni ha visto l’uscita sul mercato di selezioni sempre più particolari e qualitative fino all’apoteosi della Gran Selezione, presentata in due varianti territoriali (Lamole, che riassaggiate nella nostra serata, e Panzano) e nel cru Castello di Bibbione. Non è mancato l’impegno anche in Maremma con la produzione del Morellino e di un bianco, Elianto, a base Vermentino che sta raccogliendo un grande successo e la Vernaccia di San Gimignano che vi presentiamo con la nuova etichetta nel corso della nostra serata.

Castelli del Grevepesa nasce nel 1965 da un piccolo gruppo di 18 viticoltori della Toscana su iniziativa del Cavalier Gualtiero Armando Nunzi. Ad oggi può contare su circa 150 aziende associate, 4 delle quali le prime fondatrici. La dimensione sociale delle cantine del Chianti Classico è sempre stata poco considerata, ma in realtà è una forza capace di mettere a frutto la grande qualità diffusa di questo territorio permettendo a tanti coltivatori di concentrarsi sulla qualità delle loro uve.

La maggior parte delle Aziende Associate ha la propria ubicazione sui territori del Chianti Classico che si estendono principalmente nelle zone di Greve in Chianti, Mercatale Val di Pesa, San Casciano Val di Pesa, Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d’Elsa.

In Primavera fioriscono i territori del vino e il paesaggio del Chianti Classico si fa incantevole: raccontaci cosa ha di speciale il tuo terroir, il suo elemento più caratteristico e il tuo vino più territoriale che rispecchia meglio il paesaggio.
Una terra antica, unica al mondo, dove l’occhio si perde tra il dolce saliscendi delle colline solcate per gran parte dai filari di Sangiovese, il vitigno principe del Chianti Classico. Una terra dove il tempo scorre lento tra le mura dei borghi antichi, custodi di valori che si tramandano di generazione in generazione. In questo luogo genuinità, passione e saper fare di antica tradizione hanno saputo unirsi all’innovazione in maniera responsabile e sostenibile: niente è stato snaturato e l’anima è rimasta intatta. Ogni lembo di terra, singolo vigneto, hanno una storia, un microclima e un terreno specifico, particolare, coltivato e curato con passione e maestria dalle famiglie proprietarie secondo modi e regole secolari. Molte di queste famiglie, provenienti da varie zone del Chianti Classico, si sono unite e hanno dato vita alla grande famiglia dei Castelli del Grevepesa, per offrire a tutti il privilegio di poter gustare vini del Chianti Classico dagli alti standard qualitativi. Per questa serata abbiamo scelto la Gran Selezione Lamole, 100% sangiovese, vigneti coltivati a 500-550 m s.l.m. Dalle viti di Lamole, piantate fra i macigni di aspri pendii, prevalentemente ad “Alberello”, si ottiene un vino dal colore rosso rubino intenso. Al naso, è fresco ed intenso con sentori di mammola e giaggiolo. Dal gusto vinoso da giovane, robusto, pieno e asciutto, che diventa vellutato, sapido e persistente con la maturazione nelle botti di pregiato rovere di Slavonia.

Mai pensare un vino senza un piatto in abbinamento! Nel tuo territorio quali sono gli abbinamenti territoriali classici per i tuoi vini? E in giro per il mondo quali gli abbinamenti esotici che sono riusciti meglio?
Non possiamo che suggerire il classico abbinamento a carni rosse alla griglia, la nostra “fiorentina” e a cacciagione a pelo e piuma. Per gli abbinamenti esotici la nostra Vernaccia Bertesca con ceviche peruviano (dentice o rana pescatrice con cipolla rossa, lime e coriandolo). La Gran Selezione Lamole con Filetto di Kobe alla brace e il Vinsanto del Chianti Classico Castelgreve con formaggio Chevre francese e pere.

Vini in degustazione
Vernaccia di San Gimignano Bertesa 2017
Chianti Classico Gran Selezione Lamole 2015
Vin Santo del Chianti Classico Castelgreve 2011

Castelli del Grevepesa – Via di Gabbiano, 34 – 50026 San Casciano in Val di Pesa Firenze – 055 821911 – www.castellidelgrevepesa.it

Lascia un commento