Cantina di Soave – Genova e Firenze – Venerdì 14 e Giovedì 27 settembre 2018

Fondata nel 1898, Cantina di Soave celebra quest’anno il 120°anniversario: una lunga storia che affonda le radici nella terra e nel passato. A partire dalla fondazione la Cantina ha intrapreso una strada di crescita che le ha permesso di diventare una delle principali e più qualificate realtà del panorama enologico italiano ed internazionale non solo a livello cooperativo, ma generale. Anno dopo anno ha creato un mosaico selezionatissimo di siti produttivi e vigneti che abbracciano oggi cinque valli nell’Est Veronese.

Cantina di Soave è oggi espressione delle principali denominazioni del territorio, a partire dal grande vino bianco Soave, passando dallo spumante Lessini Durello, fino ad arrivare ai gioielli enologici della Valpolicella e della zona del Garda. Grazie ad un sistema di selezione delle uve all’avanguardia, è in grado di differenziare per soddisfare al meglio un mercato sempre più esigente e complesso, offrendo un ventaglio che spazia dai vini per tutti i giorni, ai grandi vini destinati ai ristoranti, alle enoteche e ai wine bar di tutto il mondo.

L’azienda esporta oggi circa la metà della propria produzione, ed è presente in più di 50 Paesi. Tra le sue colline, Cantina di Soa­ve seleziona un ristretto numero di vigneti per la produzione dei prestigiosi vini della tradizione veronese firmati Rocca Sveva.

La Cantina Rocca Sveva, che si trova all’interno di un affascinante borgo medievale, è stata scavata proprio all’interno del colle su cui sorge il castello di Soave. Rocca Sveva, con il suo vigneto sperimentale e i suoi grandi vini è oggi un vero e proprio centro di eccellenza vinicola che ospita ogni anno una media di 50 mila visitatori provenienti da tutto il mondo.

Arriva l’autunno arrivo e il vino italiano si prepara ad un’altra stagione dove dovrà dimostrare di essersi saputo rinnovare come comunicazione e approccio al mercato: con quale vino vi presentate al “ritorno a scuola”? Su cosa punterete per l’immediato futuro?

L’arrivo dell’autunno ci fa venire voglia di star bene, di calore, di coccolarci con i piatti tipici della nostra tradizione veronese…piatti sostanziosi che richiedono vini rossi di un certo calibro. Senza nulla togliere agli altri vini – bianchi e spumanti – che hanno sempre un posto sulle nostre tavole tutto l’anno, questa è la stagione dei grandi rossi della Valpolicella, in particolare il Ripasso, vino stupendo che ha anche un ottimo rapporto qualità/prezzo.

Cambiamento climatico e vignaioli italiani: come siamo messi per il futuro?
Bisogna prendere atto di questo cambiamento climatico caratterizzato da sbalzi repentini e imprevedibili. Il nostro team agronomico è sempre al fianco dei 2200 viticoltori che costituiscono la grande famiglia di Cantina di Soave per aiutarli a gestire al meglio ogni situazione in vigneto, non sono durante il periodo della vendemmia, ma per tutto il periodo dell’anno.

Avremo uno degli chef più famosi e comunicativi d’Italia, Alessandro Borghese, come consulente per il food della serata, raccontaci il piatto o la situazione più particolare cui hai visto abbinare il tuo vino.
Ci viene in mente un abbinamento tanto visionario quanto riuscito studiato dallo chef insieme al nostro sommelier durante uno dei nostri percorsi enogastronomici in cantina “Rocca Sveva Gourmet Experience”: Valpolicella Superiore Ripasso DOC Rocca Sveva e ostriche gratinate al roquefort!

Vini in degustazione a Bristol Palace, Genova e a Obicà, Firenze

Valpolicella Superiore Ripasso DOC Rocca Sveva
Soave Classico Superiore DOCG Ciondola Rocca Sveva
Lessini Durello Doc Settecento33
Lessini Durello Riserva Metodo Classico DOC Settecento33

Wine Shop, eventi, visite guidate e degustazioni: Rocca Sveva, via Covergnino, 7 – 37038 Soave (Verona) – borgoroccasveva@cantinasoave.it – 045 6139845

Lascia un commento